Credito d’imposta Ricerca e Sviluppo. Novità 2019

/, finanza agevolata/Credito d’imposta Ricerca e Sviluppo. Novità 2019

Credito d’imposta Ricerca e Sviluppo. Novità 2019

Credito d’imposta ricerca e sviluppo. Le novità 2019

Con la Legge di Bilancio 2019 il Credito d’imposta Ricerca & Sviluppo risulta confermato, anche se con alcune importanti novità.

Le principali novità riguardano:

  • L’Introduzione dei materiali quale nuova tipologia di spesa agevolabile
  • L’introduzione di aliquote differenziate (25% o 50%) in relazione alla tipologia di spesa
  • La riduzione da 20 a 10 milioni di € dell’importo massimo del beneficio spettante per ciascun beneficiario
  • L’ Introduzione di nuovi adempimenti formali e documentali (a decorrere dal periodo d’imposta 2018)

Ricordiamo che le novità si applicano ai costi sostenuti nel corso del 2019, ad eccezione degli adempimenti formali applicabili già per l’esercizio 2018.

Vediamo di seguito le principali novità introdotte con la Legge di Bilancio 2019

 

L’introduzione di aliquote differenziate (25% o 50%) in relazione alla tipologia di spesa

La legge di Bilancio ha previsto due aliquote (25 % o 50%) a seconda della tipologia di spesa agevolabile.

In particolare, la percentuale del 50% precedentemente applicabile su tutta l’eccedenza agevolabile (eccedenza delle spese ammissibili rispetto alla media del triennio 2012-2014) verrà mantenuta per:

  • Le spese del personale con un rapporto di lavoro subordinato
  • I contratti stipulati con Università, enti e organismi di ricerca e con start up e PMI innovative

Per tutte le altre tipologie di spesa  l’aliquota è del 25%.

 

Nuove tipologie di spesa

La legge di bilancio 2019 ha previsto la possibilità di introdurre, tra le spese ammissibili, i costi relativi all’acquisto di materiali e forniture impiegati nell’attività di ricerca e sviluppo, anche per la realizzazione di prototipi e impianti pilota.

L’inserimento dei costi relativi ai materiali comporta la necessità di rideterminare la media del triennio 2012-2014 inserendo i costi sostenuti nel triennio e relativi a questa tipologia di spesa.

 

Riduzione del beneficio massimo

Con la nuova Legge di Bilancio il beneficio massimo per ciascun beneficiario è pari a 10 milioni di €, al posto dei 20 milioni previsti con la disciplina precedente.

 

Adempimenti formali

La Legge di Bilancio 2019 estende l’obbligo di apposita certificazione delle spese a tutti i soggetti beneficiari. Segnaliamo che tale obbligo è in vigore già per l’esercizio 2018.

 

Vendor, società specializzata in efficienza per l’impresa, potrà assisterti nell’ottenimento del credito d’imposta ricerca e sviluppo.

Se hai realizzato progetti di R&S non esitare a contattarci

Tel. 0376 1961289

 

 

Immagini: Designed by macrovector - Freepick

2019-02-11T18:18:52+00:00