Cerca nel sito

BLOG

Nuovo Credito d’Imposta ZES unica Mezzogiorno

credito ZES mezzogiorno

Zes unica: nuovo credito d'imposta per le imprese del Mezzogiorno

Il Credito d’imposta Zes unica Mezzogiorno (istituito dal c.d. Decreto Sud), operativo dal 1° gennaio 2024, dispone di una dotazione pari a 1,8 miliardi di € per il 2024. E’ riconosciuto a favore delle imprese con sede nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna e prevede un aliquota variabile dal 15% al 70%.

Quali sono i soggetti beneficiari del credito?

Il Credito d’imposta ZES unica Mezzogiorno è riconosciuto alle imprese che effettuano l’acquisizione di beni strumentali, destinati a strutture produttive ubicate nelle zone assistite delle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, Molise e Abruzzo.

A quanto ammonta il credito d’imposta ZES Mezzogiorno?

Il Credito d’imposta prevede aliquote variabile in base alla zona di riferimento e la dimensione aziendale:

NOVITA’

Il credito è stato inoltre esteso a:

  • Decreto Coesione (G.U. del 7 maggio 2024) – 80 milioni di €:

-investimenti strumentali nelle Zone Logistiche Semplificate (ZLS), limitatamente alle zone ammissibili agli aiuti a finalità regionale, effettuati tra l’8 maggio 2024 e il 15 novembre 2024.

  • Decreto Agricoltura (G.U. n. 112 del 15 maggio 2024) – 40 milioni di € per il 2024:

-investimenti effettuati fino al 15 novembre 2024 da parte delle imprese attive nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli, nel settore della pesca e dell’acquacoltura. I progetti di investimento devono avere, solo per tale settore, un importo non inferiore a 50.000 €.

Quali sono gli interventi ammissibili?

Le spese ammissibili al credito di imposta ZES Unica Mezzogiorno fanno riferimento a beni nuovi e relativi a immobilizzazioni materiali per l’acquisto di:

  • impianti e macchinari;
  • attrezzature varie;
  • terreni;
  • acquisizione, realizzazione o ampliamento di immobili strumentali agli investimenti.

L’importo dell’investimento deve essere compreso tra 200.000 € e 100 milioni di €.

NOVITA’ 11 GIUGNO:

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il modello di comunicazione per l’utilizzo del credito d’imposta ZES unica, nonché le relative istruzioni e definito le modalità di trasmissione.

Dal 12 giugno al 12 luglio 2024 le imprese beneficiarie possono comunicare all’Agenzia delle Entrate l’ammontare delle spese sostenute dal 1° gennaio e quelle che prevedono di sostenere fino al 15 novembre 2024. 

Si evidenzia che:

  • Il modello pubblicato non riguarda gli investimenti nella ZES unica per il settore della produzione primaria di prodotti agricoli e della pesca e dell’acquacoltura, né al momento per le imprese localizzate nelle ZLS;
  • I soggetti che hanno validamente presentato la comunicazione possono presentare una comunicazione integrativa a partire dal 31 luglio 2024 ed entro il 17 gennaio 2025.

Il credito d’imposta è utilizzabile a decorrere dal giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del provvedimento che indica la percentuale di riparto e, comunque, non prima della data di realizzazione dell’investimento.

 

Leggi di più sul credito di imposta sul sito del Governo “Struttura di Missione ZES Unica”.

Aggiornato al 12.06.2024

Vuoi scoprire di più sulle opportunità per il Mezzogiorno?

Richiedi il Caffè con l'Esperto

l’incontro non vincolante con il nostro consulente che ti permetterà di scoprire tutte le opportunità per la tua impresa.