Contributo Smart Working e Impresa Digitale – CCIAA Brescia

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Brescia stanzia 2 milioni di € per promuovere l’adozione di piani di smart working e la diffusione delle tecnologie digitali nelle MPMI bresciane. Si tratta di un contributo a fondo perduto pari al 50% del costo sostenuto fino a un importo massimo di 10.000 €, variabile in base al tipo di misura incentivata.

Chi può beneficiare del contributo?

Possono richiedere il contributo tutte le Micro, Piccole e Medie Imprese bresciane operanti in tutti i settori economici. Le imprese devono:

  • avere sede legale e/o unità operativa nella provincia di Brescia;
  • essere in possesso di qualifica artigiana, ove previsto.

Quali sono le spese ammissibili?

L’obiettivo dell’incentivo è quello di favorire l’innovazione tecnologica con un sostegno finanziario per gli investimenti effettuati, acquistati, completamente pagati e installati nel periodo dal 1 gennaio al 31 dicemebre 2020. Le spese ammissibili sono suddivise in 5 misure:

  • Misura 1: Servizi di consulenza e formazione finalizzati all’adozione di un piano di smart working;
  • Misura 2: Investimenti in innovazione nell’ambito del progetto PID – Punto Impresa Digitale (spese per consulenza, formazione e acquisto di attrezzature tecnologiche e programmi informatici);
  • Misura 3: progettazione restyling e/o nuova realizzazione di siti web aziendali;
  • Misura 4: Tecnologie per la sicurezza e per la prevenzione di atti criminosi (impianti antintrusione e anti-taccheggio);
  • Misura 5: Attrezzature per la riduzione dei consumi energetici, miglioramento dell’impatto ambientale e riduzione dei rifiuti.

A quanto ammonta il contributo?

L’incentivo copre il 50% del costo sostenuto. L’importo massimo varia in base al tipo di misura per cui viene richiesto:

  • Misura 1: 5000 € per ogni impresa.
  • Misura 2: 10.000 € per ogni impresa.
  • Misure 3 e 5: 5.000 € per ogni impresa.
  • Misura 4: 2.500 € per ogni impresa.

Domande dall’11 maggio al 31 dicembre 2020, salvo esaurimento risorse.

Per maggiori informazioni, contattaci