Cerca nel sito

BLOG

Decreto semplificazioni nuova Sabatini

Nuova Sabatini DL Semplificazioni Tavola disegno

DECRETO SEMPLIFICAZIONI: COSA CAMBIA PER LA NUOVA SABATINI?

La conversione in legge del Decreto Semplificazioni chiarisce le nuove modalità di fruizione della Nuova Sabatini per le domande presentate dal 17 luglio 2020. È stato confermato, infatti, il raddoppio della soglia massima dei finanziamenti da 100.000 a 200.000 € che permette alle PMI di incassare l’importo in un’unica soluzione.

Cos’è la Nuova Sabatini?

La Nuova Sabatini ha l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese. Si tratta, infatti, di un’agevolazione che prevede un abbattimento del

  • 2,75% per beni strumentali;
  • del 3,575% per investimenti 4.0 degli interessi sul finanziamento per l’acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo, nonché hardware, software e tecnologie digitali.

Inoltre, la Legge di Bilancio 2020 stabilisce che il contributo della Nuova Sabatini sarà pari a:

  • 3,575% (cd. “Sabatini Maggiorata”) per gli investimenti volti all’acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature nuovi, a basso impatto ambientale, nell’ambito di programmi finalizzati a migliorare l’ecosostenibilità dei prodotti e dei processi
  • 5,5% per le PMI che effettuano investimenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Come richiedere il contributo previsto dalla Nuova Sabatini?

Ricordiamo che è prevista una procedura guidata e semplificata per la richiesta del beneficio che prevede:

  • Dichiarazione di ultimazione dell’investimento;
  • Richiesta unica di erogazione;
  • Richiesta di pagamento.

Chi può richiedere il contributo?

Possono beneficiare del contributo previsto dalla Nuova Sabatini tutte le Micro, Piccole e Medie Imprese presenti sul territorio nazionale, indipendentemente dal settore economico.

Devi acquistare un macchinario? Approfitta della cumulabilità!

La Nuova Sabatini è cumulabile con il Credito d’Imposta per investimenti in beni strumentali. Vediamo un esempio:

SabatiniCredito dimposta

Il Credito d’Imposta per investimenti in beni strumentali (ex iper-ammortamento) prevede aliquote diverse in base al tipo di investimento. Nel caso in esempio si tratta dell’acquisto di un bene materiale 4.0 fino a 2,5 milioni di €.

Le imprese possono richiedere il Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi effettuati a partire dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020, nonché entro il 30 giugno 2021, a condizione che entro il 31 dicembre 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura pari almeno al 20% del costo di acquisizione del bene.

Vuoi maggiori informazioni su tutti gli incentivi disponibili per l’acquisto di macchinari?

l’appuntamento individuale durante il quale potrai scoprire come richiedere il contributo per la tua impresa.

Articoli correlati
17 Feb 2021
  • Crediti di Imposta
  • Efficienza energetica
  • Efficienza finanziaria
  • Efficienza operativa 4.0
  • Investimenti in beni strumentali
  • Per le aziende un avvenire tecnologico e green

    Il Piano Transizione 4.0, voluto dal Ministro Patuanelli, presenta delle novità che potrebbero far parte già della…

    23 Nov 2020
  • Efficienza energetica
  • Efficienza finanziaria
  • Ricerca & Sviluppo – Economia Circolare

    In apertura il Bando per progetti di Ricerca e Sviluppo nell’ambito dell’Economia Circolare. Il Mise ha, infatti…

    04 Mar 2021
  • Crediti di Imposta
  • Efficienza energetica
  • Efficienza finanziaria
  • Efficienza operativa 4.0
  • Credito d’Imposta ricerca sviluppo, innovazione tecnologica e design

    Il Credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica e design è l’incentivo che supporta…