Cerca nel sito

BLOG

Fondo rotativo imprese del turismo

fotovoltaico imprese turismo

Fotovoltaico e digitale: Il Fondo rotativo a supporto delle imprese del turismo

Il Fondo Rotativo del Ministero del Turismo destina:

  • 180 milioni di € del PNRR per la concessione di un contributo a fondo perduto;
  • 600 milioni di € a valere sul FRI (Fondo rotativo imprese) per la concessione del finanziamento agevolato e ulteriori 600 milioni di € per la concessione di finanziamenti a condizioni di mercato.

alle imprese che effettuano investimenti per lo sviluppo del settore turismo.

Il 40% delle risorse è riservato agli interventi realizzati nelle Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Molise, Sardegna, Sicilia), mentre una quota pari al 50% del totale delle risorse è destinata a interventi di riqualificazione energetica.

 

Chi sono i beneficiari?

Possono accedere le imprese:

  • alberghiere;
  • agrituristiche;
  • gestori di strutture ricettive all’aria aperta;
  • del comparto turisticoricreativofieristico congressuale.

I soggetti ammissibili devono:

– gestire un’attività ricettiva o servizio turistico in immobili o aree di proprietà di terzi;

– essere proprietari degli immobili oggetto di intervento;

– avere ricevuto una positiva valutazione del merito di credito e disporre di una delibera di finanziamento da parte di una banca finanziatrice.

 

A quanto ammonta il contributo?

L’agevolazione prevede la concessione di:

  • contributo a fondo perduto variabile in base alla localizzazione dei programmi di investimento e alla dimensione di impresa dal 5% al 35%.
  • finanziamento agevolato di durata massima pari a 15 anni.

 

Quali sono le spese e gli interventi ammissibili?

Sono finanziabili programmi di investimento riguardanti:

  • interventi di riqualificazione energetica;
  • interventi di riqualificazione antisismica;
  • interventi edilizi funzionali alla realizzazione dei precedenti interventi;
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • interventi di realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali;
  • interventi per la digitalizzazione;
  • interventi di acquisto/rinnovo di arredi;
  • interventi riguardanti i centri termali, i porti turistici, i parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici.

L’investimento deve avere un importo compreso tra 500.000 €1 milione di €.

È ammesso l’acquisto di beni e servizi quali:

– servizi di progettazione, nella misura massima del 2%;

– suolo aziendale e sue sistemazioni, nella misura massima del 5% dell’importo complessivo;

– fabbricati, opere murarie e assimilate, nella misura massima del 50% dell’importo complessivo;

– macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica;

– spese per la digitalizzazione nella misura massima del 5%.

La data per la presentazione delle domande sarà definita con successivo provvedimento del Ministero del Turismo.

Aggiornato al 31.08.2022

 

Vuoi scoprire tutte le opportunità per la tua impresa?

RICHIEDI IL CAFFÈ CON L'ESPERTO

Grazie al quale scoprirai tutte le anticipazioni sulle opportunità in arrivo per la tua impresa.