Cerca nel sito

BLOG

Lean Manufacturing – Riduci i tempi di set-up con lo SMED

SMED

In questo articolo:

– Perchè usare lo SMED
– Quando applicare lo SMED
– Quali sono le fasi dello SMED

Lo SMEDSingle Minute Exchange of Die, è uno strumento della Lean Manufacturing che consente di portare al minimo i tempi di set-up di una macchina.

Il tempo di set up, o tempo di attrezzaggio, è il periodo di tempo necessario a preparare un determinato mezzo di produzione e si misura cronometrando il tempo che intercorre dall’ultimo pezzo buono della produzione precedente fino al primo pezzo buono della produzione successiva conclusosi l’attrezzaggio.

In un mondo dove la competizione e la globalizzazione continuano a crescere, è fondamentale rimanere flessibili ai cambiamenti del mercato. La flessibilità aziendale è influenzata dai processi produttivi, che a loro volta dipendono dai tempi di attrezzaggio e di cambio produzione

L’utilizzo dello SMED è particolarmente utile quando la domanda è variabile, sono necessarie numerose personalizzazioni e la produzione avviene con lotti sempre più piccoli.

L’applicazione dello SMED ai tuoi processi aziendali permette alle imprese di raggiungere:

  • Maggiore flessibilità nella produzione;
  • Minori tempi di attrezzaggio/set-up;
  • Maggiore produttività;
  • Minori costi di produzione;
  • Dimensioni dei lotti più piccole con conseguenti livelli di inventario più bassi;
  • Migliore reattività alla domanda dei clienti.

Quando applicare lo SMED?

L’applicazione dello SMED è particolarmente utile quando si registra:

  • scarsa flessibilità della produzione a rispondere alle esigenze dei clienti;
  • lotti di grandi dimensioni;
  • elevato valore e ingombro del magazzino;
  • carenza di capacità e di spazio.

Quali sono le fasi dello SMED?

L’obiettivo dello SMED è ottenere un Quick Changeover (QCO), ovvero passare in modo veloce da una produzione all’altra nello stesso impianto, e ridurre i tempi morti di attrezzaggio macchina.

Le fasi di applicazione dello SMED sono quattro:

Fase 1: Individuazione dei set-up interni (IED) ed esterni (OED) e fase preparatoria

Questa prima fase è basilare perché permette di individuare e di suddividere le operazioni da svolgere a fermo macchina/processo dalle restanti. Distinguiamo, quindi:

  • Set up interni (Inner Exchange of Die, IED), attività che possono essere fatte solo quando la macchina o il processo sono fermi (per esempio la rimozione fisica dello stampo e dei suoi componenti);
  • Set up esterni (Outer Exchange of Die, OED), attività che possono essere svolte mentre la macchina o il processo sono in funzione (per esempio l’attività di prelievo stampo da un magazzino e la preparazione per il montaggio).

Solo spostando operazioni di set-up interno all’esterno si può ridurre il changeover fino al 60%.

Questa fase prevede 3 attività:

  • Preparare check-list delle operazioni di set-up (elenco di utensili, attrezzature, istruzioni di lavoro, condizioni operative, misure da compiere). Questi kit e set devono essere predisposti e ordinati secondo la logica delle 5S, in questo modo gli operatori non devono perdere tempo nel ricercare gli strumenti idonei;
  • Controllare le performance degli strumenti, utensili ed attrezzature;
  • Migliorare il trasporto/movimentazioni delle varie parti.

Fase 2: Conversione del maggior numero di set-up interni in esterni

La fase si struttura in 3 tecniche:

  • Preparazione preventiva delle condizioni operative (temperatura, pressione, pulizia, disposizione dei componenti);
  • Standardizzazione delle operazioni;
  • Utilizzo di maschere di montaggio.

Fase 3: Miglioramento delle operazioni di set-up interno

Per rendere più efficaci queste operazioni, le organizzazioni agiscono su 4 passi:

  • Svolgere operazioni in parallelo da due operatori, ammortizzando i costi di manodopera grazie al fatto che due operatori impiegano meno della metà del tempo rispetto a un solo operatore;
  • Utilizzare morsetti di fissaggio: stampi/utensili che si fissano tramite viti, bulloni, dadi fanno perdere tempo, i morsetti sono più veloci e possono essere fissati direttamente sull’impianto;
  • Eliminare gli aggiustamenti-regolazioni, fra i metodi per fissare stampi/utensili in modo veloce abbiamo sistemi di fissaggio a leva a un solo movimento, sistemi magnetici, sistemi a incastro, sistemi di riferimento visibili sulla macchina/utensili (tacche, scale graduate);
  • Utilizzare mezzi e strumentazioni più efficaci (per esempio un carrello può essere più veloce di una gru).

Fase 4: Miglioramento delle operazioni di set-up esterno

L’ultima fase è finalizzata ad ottimizzare sequenza e metodi operativi delle attività interne (IED), sia attraverso soluzioni tecniche (metodi ed attrezzature di lavoro), sia attraverso soluzioni organizzative (parallelizzazione di attività). È consigliabile, per l’implementazione dello SMED, comprendere al meglio come si svolgono le operazioni di set-up. Perciò filmare l’intera durata del tempo di set-up, discutendone insieme ai componenti del team, porta allo studio dei tempi e dei movimenti effettuati in ciascuna fase dell’operazione.

Dopo aver compiuto le 4 fasi e aver ottenuto risultati nell’ordine delle decine di minuti o meno, si può affermare che la produzione dipende dalla domanda, che non si verificano sovrapproduzioni e non si consumano risorse.

Per arrivare a questo successo, però, il team predisposto deve ripetere le fasi numerose volte al fine di un miglioramento continuo, arrivando a modifiche tecnologiche dell’impianto stesso oltre che degli stampi e, eventualmente, a una riprogettazione del prodotto/servizio.

Siamo una società specializzata in servizi per l’efficienza finanziaria, energetica e operativa. Il nostro team di tecnici specializzati e certificati Lean Six Sigma Black Belt, ha seguito diversi progetti di riduzione e miglioramento dei tempi di set-up in aziende manifatturiere, è in grado di fornire un contributo metodologico e operativo alle aziende interessate a rendere più efficiente il proprio processo produttivo e la propria supply chain.

Vuoi scoprire di più su come applicare lo SMED nei reparti produttivi della tua impresa?

Richiedi il Caffè con l'Esperto

un appuntamento Individuale durante il quale potrai scoprire tutte le opportunità per la tua impresa