Cerca nel sito

BLOG

Rivalutazione dei beni: un’importante opportunità per le imprese

Rivalutazione dei beni

Rivalutazione dei beni

Un'importante opportunità per le imprese

Le imprese hanno la possibilità di rivalutare i beni completamente ammortizzati e le immobilizzazioni in corso, risultanti a bilancio al 31 dicembre 2019. Nello specifico è possibile, sia per fini fiscali che civilistici, rivalutare:

  • beni materiali e immateriali tra cui impianti, macchinari, attrezzature, marchi e brevetti;
  • partecipazioni.

Grazie al Decreto Agosto, la rivalutazione a fini fiscali diventa ancora più vantaggiosa. Tale decreto, infatti, riduce l’imposta sostitutiva necessaria per richiedere il riconoscimento fiscale della rivalutazione, dal 12% al 3%. Inoltre, il riconoscimento dei nuovi valori decorrerà dall’esercizio successivo al 2019 (quindi per le società con esercizio solare, dal 2020). Invece i nuovi ammortamenti decorreranno dal primo esercizio successivo alla rivalutazione (quindi per esercizio solare dal 2021).

 

Chi può beneficiare della rivalutazione dei beni?

Possono accedere alla rivalutazione dei beni d’impresa:

  • società di capitali;
  • società di persone;
  • imprenditori individuali;
  • enti non commerciali.

Come funziona la rivalutazione dei beni a fini fiscali?

Il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione può essere riconosciuto ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta regionale sulle attività produttive, mediante il versamento di un’imposta sostitutiva nella misura del 3%.

VEDIAMO UN ESEMPIO:

  • Costo storico del macchinario = 50.000 € (completamente ammortizzato)
  • Rivalutazione = 30.000 € (imposta sostitutiva per riconoscimento fiscale del 3% = 900 €)
  • Risparmio d’imposta = circa 28% (8.400 €)

*(ipotizzando 24% Ires + 3.9% Irap)

 

Quali beni sono oggetto di rivalutazione?

Sono oggetto di rivalutazione sia i beni d’impresa materiali e immateriali e le partecipazioni

Tra i beni rivalutabili, ad esempio, troviamo:

  • impianti;
  • macchinari;
  • attrezzature;
  • marchi;
  • brevetti;
  • etc.

 

È, quindi, possibile rivalutare anche beni immateriali come marchi e brevetti. Questo consente alle imprese di “quantificare” a bilancio il valore del proprio marchio che spesso non è presente nella documentazione contabile. Anche in questo caso l’impresa ne trae un importante beneficio fiscale.

VEDIAMO UN ESEMPIO

  • Marchio a bilancio = 10.000 € (costo sostenuto per la registrazione del marchio)
  • Fondo di ammortamento al 31 Dicembre 2019 = 556 €
  • Valore netto contabile al 31 Dicembre 2019 = 9.444 €

 

  • Rivalutazione del marchio = 950.000 €
  • Valore del marchio rivalutato al 31 dicembre 2021 = 960.000 €
  • Imposta sostitutiva per la rivalutazione (3%) = 28.500 €

 

  • Ammortamento* del marchio post rivalutazione
    =
    60.000 €/anno
    (anziché i 556 € degli anni antecedenti la rivalutazione).


*Considerando un ammortamento in 18 anni al 5,56%, di cui 16 residui al 6,25%

 

La disciplina della rivalutazione dei beni è complessa e necessita di figure specializzate che siano in grado di fare una perizia dei beni rivalutabili di un’impresa a motivare il valore della rivalutazione che non dovrà superare i valori effettivamente attribuiti ai beni con riguardo alla loro consistenza, alla loro capacità produttiva, ai valori correnti e alle quotazioni rilevate in mercati regolamentati italiani o esteri.

 

Vuoi ottenere una pre-valutazione dei tuoi beni e scoprire se sono rivalutabili?

l’incontro non vincolante con il nostro consulente che ti permetterà di scoprire tutti i vantaggi della rivalutazione dei beni

Articoli correlati
17 Feb 2021
  • Contributi fondo perduto/Conto Capitale
  • Contributo Conto Interessi
  • Crediti di Imposta
  • Efficienza finanziaria
  • Investimenti in beni strumentali
  • Anticipazioni – Legge di Bilancio 2021

    Pubblicata una prima bozza della Legge di Bilancio 2021. Il testo non è ancora quello definitivo, è stato approvato…

    17 Feb 2021
  • Crediti di Imposta
  • Efficienza energetica
  • Efficienza finanziaria
  • Efficienza operativa 4.0
  • Investimenti in beni strumentali
  • Per le aziende un avvenire tecnologico e green

    Il Piano Transizione 4.0, voluto dal Ministro Patuanelli, presenta delle novità che potrebbero far parte già della…

    27 Nov 2020
  • Affiancamento Operativo
  • Contributi fondo perduto/Conto Capitale
  • Diagnosi 4.0
  • Efficienza finanziaria
  • Efficienza operativa 4.0
  • Voucher innovation manager

    Sono stati stanziati 75 milioni di € per il Voucher Innovation Manager per l’anno. Si tratta di un incentivo che sostiene…