Cerca nel sito

BLOG

Credito d’Imposta per investimenti in beni strumentali

credito d'imposta beni strumentali

Credito d’Imposta per investimenti dal 2023 in beni strumentali

La Legge di Bilancio 2023 entrata in vigore dal 1° gennaio 2023 non ha modificato le aliquote del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali.

L’incentivo supporta le imprese di qualsiasi dimensione ed appartenenti a qualsiasi settore economico o produttivo che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali.

 

Quali sono le aliquote dal 2023?

Il credito d’imposta è richiedibile per investimenti effettuati fino al 31 dicembre 2025, nonché entro il 30 giugno 2026, (a condizione che entro il 31.12.2025 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura pari al 20% del costo di acquisizione del bene).

La Manovra non ha previsto una variazione delle aliquote riconosciute:

BENI 4.0

CIBS 4.0

Il Decreto agevolazioni fiscali (G.U. del 29 marzo 2024) introduce l’obbligo di inviare una comunicazione ex-ante ed ex-post al MIMIT ai fini della fruizione del credito. A seguito della pubblicazione del 25 aprile 2024 del Decreto direttoriale MIMIT si precisa che: 

  1. La comunicazione ex ante dovrà indicare l’ammontare degli investimenti da effettuare, la presunta ripartizione negli anni e la relativa fruizione, mentre la comunicazione ex-post dovrà poi aggiornare la precedente al completamento degli investimenti;
  2. Per gli investimenti 4.0 effettuati a partire dal 1° gennaio 2023 e fino al 29 marzo 2024, è necessaria solo la comunicazione ex post;
  3. Per gli investimenti 4.0 effettuati a partire dal 30 marzo 2024 è necessaria la comunicazione ex ante ed ex post;
  4. Per gli investimenti in beni strumentali 4.0 effettuati nel 2022 o precedenti, a prescindere dall’anno di interconnessione, non è necessaria alcuna comunicazione (come precisato dall’Agenzia delle Entrate con la Faq pubblicata il 16 aprile scorso).

 

NOVITA’: Dalle ore 10.00 del 18 maggio 2024 le comunicazioni possono essere compilate ed inviate esclusivamente attraverso il portale del GSE, registrandosi all’Area Clienti, accedendo all’applicazione “Transizione 4.0 – Accedi ai questionari” e selezionando la tipologia di investimento. 

 

BENI NON 4.0

CIBS non 4.0

Periodicamente l’Agenzia delle Entrate pubblica dei chiarimenti relativi al credito d’imposta per investimenti in beni strumentali, dando risposta agli interpelli rispetto a diverse tematiche (individuazione del momento di effettuazione dell’investimento, cumulabilità, ambito temporale, etc…)

>>Scopri i principali chiarimenti 

Con l’introduzione del nuovo Piano Transizione 5.0 è previsto il riconoscimento del credito di imposta 5.0.

Il credito prevede aliquote più elevate e diverse tipologie di spese ammissibili, nonché l’obbligo di conseguire un risparmio energetico attraverso gli investimenti.

Vuoi conoscere le caratteristiche del nuovo Piano Transizione 5.0 e del credito di imposta?

>>Scopri le novità

Aggiornato al 30.04.2024

Vuoi ottenere anche tu il credito d’imposta?

Richiedi il Caffè con l'Esperto