Cerca nel sito

BLOG

Transizione ecologica: quali sono le sfide per le imprese manifatturiere?

transizione ecologica imprese

Transizione ecologica: quali sono le sfide per le imprese manifatturiere?

La transizione ecologica sta, ormai, diventando un importante paradigma per le imprese manifatturiere. Se ne è parlato durante il Word Manufacturing Forum (WMF) che si è tenuto il 20- 21 Ottobre 2021 a Cernobbio. Durante l’evento si è analizzato l’importante ruolo delle tecnologie digitali nello sviluppo di politiche di sostenibilità e transizione ecologica. Inoltre, si è discusso di quali sfide debbano affrontare le imprese manifatturiere che vogliono investire nell’ottica di una transizione green sia dal punto di vista sociale che ambientale ed economico. L’economia circolare, infatti, sta diventando sempre più importante nell’ambito della manifattura, spinta dalle politiche adottate dai governi ma anche in risposta alle richieste di consumatori sempre più esigenti.

 

Cosa cambierà per le imprese del settore manifatturiero nei prossimi anni?

Durante il WMF è emersa una pronta risposta e volontà delle imprese di supportare la transizione ecologica, a patto di politiche incentivanti maggiormente ancorate alla realtà. L’introduzione dell’economia circolare all’interno delle imprese, infatti, presuppone il ripensamento di tutti i processi della catena di fornitura e l’introduzione di nuovi modelli di business che permettano di ottimizzare l’utilizzo delle risorse, ridurre gli sprechi e dare nuovo valore alle imprese.

I due report presentati durante il WMF, Back to the Future e Digitally enabled circular manufacturing, prevedono uno sviluppo graduale verso un’Industria Manifatturiera Circolare di alta qualità, basata su 5 obiettivi strategici:

 

  1. Scelta consapevole dei materiali

Le imprese del futuro dovranno necessariamente progettare e realizzare prodotti, considerandone un loro possibile riutilizzo o la riciclabilità dei materiali di composizione.

 

  1. Conservazione e riutilizzo dei materiali

Diventerà essenziale sviluppare processi e sistemi per il ritiro e la rimessa a nuovo dei beni che ne permetta più cicli di vita. La tecnologia, e in particolare l’Internet of Things, avrà un ruolo fondamentale perché permetterà alle imprese di capire i flussi di materiale dei loro prodotti in modo da poterne pianificare il ciclo successivo.

 

  1. Sviluppo di nuovi modi di produrre

La transizione ecologica delle imprese manifatturiere determinerà una maggior consapevolezza nella scelta di macchinari, materiali, prodotti e processi e, quindi, nel modo di progettare il lavoro.

 

  1. Manifattura basata sul servizio e non più sul prodotto

Numerose aziende hanno già implementato percorsi di servitizzazione dei prodotti, grazie ai quali i produttori riescono a mantenere clienti nel tempo e i clienti possono usufruire di un servizio di miglior qualità.

 

  1. Materie prime rinnovabili

All’interno di un sistema basato sull’economia circolare, è fondamentale che le imprese sostituiscano le materie prime fossili con materie prime rinnovabili. La manifattura circolare, infatti, presuppone un sistema riparativo e rigenerativo per intenzione e progettazione.

transizione ecologica imprese

Secondo i dati OCSE, i principali driver che spingono le imprese a  investire nella transizione ecologica sono:

73% cambiamento climatico;

52% obiettivi globali;

51% cambiamenti socio – economici;

47% creazione di nuovi posti di lavoro

34% l’introduzione di nuovi modelli di business.

Quali sono i principali ostacoli che frenano la transizione ecologica delle imprese e come superarli?

Il Comitato scientifico del WMF ha individuato i principali ostacoli incontrati dalle imprese nell’ambito della transizione ecologica e ha stilato 10 raccomandazioni volte ad aiutare le aziende a superarli, velocizzando lo sviluppo di una manifattura circolare.

Vediamo insieme le 10 raccomandazioni.

 

  1. Lavorare sul mindset delle imprese per rimuovere le barriere culturali

La promozione di una nuova mentalità aziendale orientata verso la sostenibilità è il primo passaggio verso l’economia circolare. Spesso, infatti, le imprese hanno numerose difficoltà a percepire lo sviluppo sostenibile come un’opportunità di crescita aziendale e di incremento di competitività.

 

  1. Stimolare la domanda dei consumatori

È sempre più necessario che le imprese puntino anche sull’educazione alla responsabilità del consumatore che deve essere supportato e stimolato verso scelte di consumo più sostenibili e consapevoli.

 

  1. Coinvolgere gli stakeholder e puntare sulla cooperazione

Il traguardo di una manifattura circolare è raggiungibile anche grazie alla cooperazione tra stakeholder che condividono informazioni lungo tutta la catena del valore, promuovendo standard condivisi, certificazioni e metriche di sostenibilità comuni.

 

  1. Promuovere nuovi modelli di business

Uno dei principali ostacoli alla transizione ecologica delle imprese manifatturiere è la presenza di politiche governative inadeguate. Per questo motivo, nella quarta raccomandazione si propone l’implementazione di nuove politiche globali che abbraccino l’economia circolare e riconoscano l’importanza delle tecnologie digitali come abilitatori della manifattura circolare.

 

  1. Promuovere centri di innovazione digitale

È ormai evidente che esiste un legame inscindibile tra digitalizzazione e sviluppo sostenibile. Per questo motivo è necessario promuovere e supportare i centri di innovazione digitale.

 

  1. Prevedere incentivi per le imprese e misure economiche adeguate

La transizione ecologica delle imprese manifatturiere e l’adozione delle tecnologie abilitanti devono essere supportate anche attraverso scelte economiche e incentivi dedicati rivolti sia alle imprese che agli investitori. La sesta raccomandazione risponde appieno all’insufficienza di risorse finanziarie, terzo ostacolo più frequente allo sviluppo di un’economia circolare.

 

  1. Formare adeguatamente le competenze

La settima raccomandazione riguarda la necessità di puntare su un’adeguata formazione e sullo sviluppo di competenze necessarie ad utilizzare le tecnologie abilitanti.

 

  1. Promuovere una cultura aziendale guidata dai dati

La Lean Production sarà un fattore chiave per lo sviluppo delle imprese future. La sfida maggiore, infatti, sarà quella di produrre solo quello e quanto è necessario. Promuovere la cultura data-driven è fondamentale in quest’ottica perché, grazie alla condivisione dei dati, essa facilita i processi di circolarità e innovazione dei prodotti.

>> scopri come produrre solo ciò che è necessario con il metodo Kanban della Lean Production

 

  1. Supportare le PMI

Le Piccole e Medie Imprese sono il cardine del sistema imprenditoriale italiano. Per raggiungere l’obiettivo di una manifattura circolare sarà, quindi, necessario coinvolgere le PMI negli obiettivi di circolarità attraverso capitale, forza lavoro qualificata e accesso ai dati.

 

  1. Fare attenzione alle controindicazioni delle tecnologie digitali

Ultima raccomandazione riguarda il fatto che spesso le tecnologie digitali hanno un impatto ecologico non trascurabile e determinano un elevato dispendio energetico. È quindi necessario fare leva sulle energie rinnovabili, adottando un approccio olistico e realistico.

 

La situazione delle imprese manifatturiere è piuttosto chiara. I tempi sono maturi e non è più possibile rimandare la transizione ecologica ed è necessario riprogettare i propri asset nell’ottica di sostenibilità ed economia circolare. Non è un caso che nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza italiano siano stati stanziati oltre 59 miliardi di € per la transizione verde. Inoltre, molti incentivi e agevolazioni per le imprese supporteranno sempre di più scelte e investimenti nell’ottica della transizione ecologica delle imprese. È, quindi, fondamentale rimanere aggiornati su politiche e indicazioni della nuova Legge di Bilancio 2022.

Per questo motivo ti invitiamo a iscriverti alla lista d’attesa per il webinar

“Anticipazioni Legge di Bilancio 2022: incentivi e novità per le imprese”

>>> ISCRIVITI ORA ALLA LISTA D'ATTESA <<<

Grazie al quale scoprirai tutte le anticipazioni sulle opportunità in arrivo per la tua impresa.